16 Dicembre 2017

FAP ACLI FIRENZE: "MUSICA RIBELLE" E GENERAZIONI A CONFRONTO

07-12-2017 11:45 - NEWS ACLI TOSCANA - territorio
di Gabriele Parenti


Non è un´operazione nostalgia ma una significativa proposta culturale incentrata sul confronto tra generazioni che crea piani di lettura diversi ma per vari aspetti convergenti : è uno dei temi significativi affrontati dalla Fap che nelle sue proposte culturali presenta oggi lo spettacolo Musica ribelle - La forza dell´amore in scena alla Pergola.

E´ ormai prossimo il 50° anniversario della svolta epocale rappresentata dal ´68 e dalla sua " onda lunga" che attraversò la prima metà degli anni ´70 . Queste atmosfere e , in particolare, quelle dei fermenti, delle spinte al cambiamento ma anche delle contraddizioni e da forti contrasti sono riproposte in un avvincente confronto con le ansie, le utopie, le problematiche del nostro tempo dall´ opera rock, Musica ribelle - La forza dell´amore scritta da Francesco Niccolini su soggetto di Pietro Contorno la regia di Emanuele Gamba e con musiche di Eugenio Finardi .
I brani di Finardi, alcuni in versione originale, altri riarrangiati da Emiliano Cecere e Valerio Carboni sotto la supervisione dello stesso Finardi, puntano su sonorità progressive, punk, hip hop, techno, ma ci sono anche ballate e medley del primo decennio della carriera del più ´ribelle´ cantautore italiano ( Musica ribelle è appunto il titolo di una canzone di Finardi del ´76 )
"Dopo il successo di Spring Awakening, storia forte e intensa, è stato difficile individuare un titolo che fosse degno erede di quella esperienza artistica. Volevamo parlare ancora - afferma Emanuele Gamba - a quelle migliaia di ragazzi che ci hanno seguito per oltre due anni di rappresentazioni in mezza Italia. Volevamo parlare con loro, ma anche parlare di loro alle generazioni più mature. In questa ricerca è stato facile trovare Eugenio Finardi, gli anni ´70 e le migliaia di facce e storie di ragazzi incontrati in giro per l´Italia in questi anni".
Secondo un ormai consolidato iter produttivo, Musica Ribelle è nato artisticamente con la selezione del cast: il gruppo di attori/cantanti che danno vita all´opera è il risultato di tre workshop in collaborazione con la Fondazione Teatro della Toscana e il Teatro Goldoni di Livorno (oltre 600 i partecipanti). Questa cura nella preparazione lo rende un lavoro sui generis nel panorama del teatro musicale italiano.

"Noi sognavamo di cambiare il mondo - ha detto Eugenio Finardi all´Ansa in occasione delle prima milanese - prima che questo cambiasse noi, oggi i giovani devono cambiare loro stessi prima che il mondo letteralmente cambi sotto i loro piedi".

Cifra irrinunciabile, poi, è la musica dal vivo suonata da Filippo Bertipaglia, Francesco Inverno, Andrea Mandelli. I brani di Finardi, alcuni in versione originale, altri riarrangiati da Emiliano Cecere e Valerio Carboni sotto la supervisione dello stesso Finardi, puntano su sonorità progressive, punk, hip hop, techno, ma ci sono anche ballate e medley del primo decennio della carriera del più ´ribelle´ cantautore italiano. Ad esempio: Dolce Italia, Patrizia, Diesel, Voglio, Non è nel cuore, Un Uomo, Extraterrestre, La radio e, naturalmente, Musica Ribelle e La forza dell´amore "Nello spettacolo due generazioni - interviene il regista - corrono in parallelo e per un curioso gioco del destino si ritrovano nello stesso luogo a vivere la musica, le radio libere, i sogni, le delusioni e le fughe. Da più di quarant´anni esiste il lavoro di Eugenio Finardi e la hit del suo secondo album Sugo. Oggi esiste anche questo spettacolo che, a partire dal suo mondo poetico e musicale, racconta una storia giovanile piena di passione, forza e amore".

Il parallelismo ieri-oggi è la chiave di tutta l´opera ambientata in una Milano d´oggi, con un vecchio scantinato divenuto casa per rapper, graffitari e dj che intendono organizzare un rave notturno: quello stesso scantinato, di proprietà di Hugo, verrà occupato solo per una settimana, da quella gang che ha come leader la giovanissima Lara93. Tra lei e il signor Hugo nascerà un rapporto di scontro, ma anche di confronto. Proprio lì, in quella cantina che, nel lontano 1973, era il ´covo segreto´ di un collettivo politico e della sua radio libera. Un collettivo che ruotava attorno a Vento, un ragazzo insieme ribelle e impegnato, superficiale e sognatore.

Conclude Emanuele Gamba: "Quella di Lara93 e di Vento sono due storie che corrono in parallelo e che dimostrano come i giovani di oggi non siano poi così lontani da quelli di ieri. La voglia di ribellarsi c´è sempre, che venga manifestata in strada oppure sul web. Musica Ribelle lo racconta alla perfezione, segnando l´incontro tra generazioni che, troppo spesso, si credono lontane".


[<<] [Dicembre 2017] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
16-12-2017 - eventi
[ continua ]

Focus sulla Riforma del Terzo Settore

[]

L´archivio delle idee ACLI

[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier

Area Riservata

Forum RFSA

Le ACLI Toscane aderiscono a

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]