09 Maggio 2021

ACLI SIENA: FESTA DEL LAVORO: RADICONDOLI RADDOPPIA!

16-05-2016 11:46 - NEWS ACLI TOSCANA - territorio
La crisi economica continua a travagliare i nostri paesi; il lavoro manca e la disoccupazione, specie tra i giovani, rimane a livelli preoccupanti.
Ecco, allora, che in questo quadro la Festa del 1° Maggio assume un significato particolare: e non bastano le celebrazioni e le chiacchiere, occorrono riflessioni serie e seri impegni. Di tutti. Per di più non ci sono ormai zone privilegiate: ogni città, ogni paese soffre e si preoccupa per il ritardo della ripresa.

Anche Radicondoli fa parte del gruppo. Il tema del lavoro è sempre più all´ordine del giorno. Forse anche per questo la festa del 1° Maggio, radicata profondamente e da sempre intensa-mente vissuta in questo splendido e tranquillo borgo a cavallo tra la valle dell´Elsa e la valle della Cecina, ha visto quest´anno una partecipazione ancora più viva. La tradizione si è ripetuta. Fin dalle prime ore della giornata la vita del paese è stata accompagnata dai suoni gioiosi della banda, prima nel giro delle contrade poi sul "poggio", il bel parco sul cui prato ogni 1° maggio si apparecchia fino a tarda serata la merenda, occasione di ameni ricordi e fer¬vide speranze.

Tutto questo ricco programma non è bastato al Circolo Acli, che, desiderando offrire un´altra op¬portunità di riflessioni e di approfondimenti, ha voluto prolungare la festa di una settimana. Così quella di domenica 8 maggio è stata una giornata ricca di motivi: festa della mamma, fe-sta per il 4° anniversario dell´intitolazione del Circolo a Giorgio La Pira, e, ancora, festa del lavoro.
Alle 11 nella Chiesa del Crocifisso il parroco ha celebrato la Santa Messa che ha unito la co-munità parrocchiale nell´invocazione della benedizione divina su tutte le mamme, nella pre-ghiera per la beatificazione di Giorgio La Pira, nella richiesta al Padre di dare a tutti il "pane quotidiano". Al termine della Messa, il Circolo Acli ha offerto a tutte le mamme presenti una rosa accompagnata da un messaggio di amore: il mazzo più bello è stato deposto ai piedi della statua della Madonna, la Mamma per eccellenza.

Alle 16 nel Teatro dei Risorti il Prof. Ugo De Siervo, presidente emerito della Corte Costitu-zio¬nale, partendo dal tema "Lavoro ... e non solo: il contributo di Giorgio La Pira alla Costi-tuzione Italiana", ha conversato con i presenti anche su argomenti di grande attualità. Il pub-blico ha se¬guito con grande attenzione e profondo interesse la testimonianza viva su Giorgio La Pira, cri¬stiano esemplare che, da amministratore e politico, seppe tradurre in pratica quei principi di giusti¬zia sanciti dalla Costituzione, alla cui enunciazione teorica aveva fortemente contribuito. Dalla premessa dell´impegno di La Pira per l´elaborazione della Costituzione Ita-liana il discorso è poi facilmente passato sul tema estremamente attuale della riforma costitu-zionale. Il Professor De Siervo, proprio nella sua qualità di docente universitario di Diritto Co¬stituzionale e per la sua espe¬rienza di giudice e Presidente della Corte Costituzionale, è stato chiamato a rispondere a diverse domande. Con chiarezza espositiva egli ha esaminato alcuni punti essenziali della riforma, eviden¬ziando gli aspetti positivi ma anche, con onestà intellettu¬ale, esprimendo e motivando serie per¬plessità sul metodo e sui contenuti. L´applauso lungo e sincero ha sottolineato l´apprezzamento per quanto ascoltato e la volontà, dichiarata da tutti, di approfondire la conoscenza dell´argomento, così da arrivare da cittadini coscienti all´appunta-mento referendario. Unanime è stato anche il gradimento espresso per l´organizzazione e la riuscita della giornata.

Poi, tutti nei locali del Circolo per chiudere la festa con un fraterno semplice rinfresco.
[<<] [Maggio 2021] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
L´archivio delle idee ACLI
[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier
Le ACLI Toscane aderiscono a
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio