23 Luglio 2021

CONCLUSO IL XIV CONGRESSO DELLE ACLI REGIONALI TOSCANE

11-04-2016 00:15 - NEWS ACLI TOSCANA - territorio

Si è tenuto a Pisa nell’ex Convento dei Cappuccini (struttura gestita dalle Acli pisane) il congresso regionale delle Acli toscane.
Dopo otto anni il presidente Federico Barni lascia l’incarico per somma di mandati e il consiglio regionale eletto dal congresso sarà chiamato ad eleggere il nuovo presidente regionale.
La relazione del Presidente uscente ha evidenziato che l’associazione ha visto una crescita sia numerica sia di presenza sul territorio, in particolare dei servizi sociali e di specifici progetti come il Punto Famiglia il Progetto badanti Barni si è soffermato sul tema di Congresso ovvero “attraversare il cambiamento con coraggio” che chiama ad essere sempre più punto di riferimento della gente rafforzando, quindi, il ruolo dei nostri Circoli che, svolgono una funzione essenziale di aggregazione e di presidio sociale. Ha poi rilanciato il tema dell’accoglienza,della solidarietà e della lotta alla povertà che in conformità agli appelli di Papa Francesco impegnano a fondo l’attività delle Acli.

Giacomo Martelli vice Presidente uscente, ha raccomandato la cura di gestire i processi, facendo riferimento specifico alla formazione che dopo essere stata posta in primo piano dall’Assemblea nazionale straordinaria deve essere attuata con maggiore incisività; Martelli che è stato vice presidente e Presidente del Patronato ha sottolineato anche la necessità di una riforma e potenziamento dei servizi nel territorio affinché possano rispondere in modo adeguato ai nuovi bisogni della gente. Inoltre Martelli ha anche delineato l’importanza di saper fare rete,e di essere quindi elemento propulsore tra le realtà associative.

Ai temi del lavoro e della solidarietà ha fatto riferimento l’altro vice presidente Enrico Fiori che li ha individuati come i fondamenti attorno ai quali far crescere un forte senso del bene comune, troppo spesso disgregato e minato dal virus dell´individualismo. Per questo, ribadisce Fiori, non dobbiamo aver paura del cambiamento, perché solo dal cambiamento può venire l´impulso a realizzare verità e giustizia sociale . Perciò –ha concluso Fiori - in questa società caratterizzata da tensioni e timori, le ACLI, attraverso la loro stagione congressuale, devono rilanciare il valore del cambiamento come antidoto contro le paure che ogni giorno attraversano le nostre comunità.

Nel suo saluto al Congresso l’Arcivescovo di Pisa Mons. Giovanni Paolo Benotto ha fatto appello affinché l’ispirazione cristiana delle Acli che è la prima delle tre storiche “fedeltà” non sia limitata alle strutture ma sappia essere lievito che porta le Acli ad avere un ruolo incisivo e propulsivo nell’intera comunità ecclesiale.

Al rapporto tra lavoro e formazione si è riferita l’assessore regionale Cristina Grieco che ha messo in rilievo processi innovativi come il sistema duale che possono fungere da incubatore e offrire ai giovani nuove concrete opportunità e che in questa ottica il ruol odi associazioni come le Acli è molto importante.

L’on Federico Gelli, presidente del Cesvot ha detto che la legge di riforma del Terzo settore assegna nuovi compiti ai Centri Servizi dove tutte le espressioni associative di terzo settore troveranno cittadinanza. La legge, recentemente approvata al Senato avrà un nuovo passaggio alla Camera che si auspica conclusivo.

Proprio a proposito della legge in corso di approvazione Gianluca Mengozzi, Portavoce del Forum regionale del Terzo settore ha evidenziato alcune criticità che dovranno impegnare il Forum nazionale e quelli regionali a seguire con attenzione i decreti delegati che daranno attuazione alla riforma.

Il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi ha messo l´accento sull’importanza per la città della struttura dei Cappuccini, ha auspicato una sempre maggiore collaborazione tra pubblico e privato, un forte impegno per costruire coesione sociale e per creare un welfare generativo.

Tra gli interventi, dei delegati ,oltre ai presidenti provinciali si sono avvicendati anche i dirigenti delle Associazioni specifiche (Paolo Formelli per la Federazione Anziani e Pensionati, Elena Pampana per l’Unione sportiva Acli).

Il Congresso ha poi eletto tre consiglieri nazionali ( Federico Barni, Enrico Fiori, Elena Pampana) e i componenti del Consiglio regionale (Banchetti Cecilia, Barni Federico,Caccamo Maria, Casucci Massimo, Della Zoppa Riccardo, Filippi Otello, Fulghesu Simone, Giaconi Alessandro, Giovacchini Mauro, Martelli Giacomo, Pacini Roberta, Pampana Elena, Pennacchini Pier Carlo, Potestio Francesco, Ringressi Mario, Ugolini Eny a cui si aggiungono 10 rappresentanti eletti dalle province).

Le ACLI toscane contano circa 30mila iscritti, che superano però i 40mila se si considerano anche i soci delle associazioni specifiche (Fap, US.Acli, Cta, Lega consumatori ). Sono presenti in quasi 300 strutture di base in tutto il territorio regionale con i Circoli, nuclei e recapiti del Patronato, il più importante dei servizi sociali delle Acli che – ha osserva Presidente del Patronato Giacomo Martelli - ogni anno ha oltre 160mila utenti presso i propri sportelli.
Le ACLI toscane sono rappresentate in vari organismi istituzionali e associativi come il Cesvot, la Conferenza permanente delle autonomie sociali, il Forum del terzo settore , la Consulta per lo Sport, l’Osservatorio regionale per le ludopatie
keyboard_arrow_left
Luglio 2021
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Luglio 2021
L M M G V S D
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
L´archivio delle idee ACLI
[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier
Le ACLI Toscane aderiscono a
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio