28 Febbraio 2020

Censis, Martelli (Acli Toscana): “L’occupazione è l'emergenza, non c'è ancora soluzione adeguata”

06-12-2019 11:35 - News Acli Toscana - regione

Firenze, 6 dicembre 2019 - “Una crescita anemica, con percentuali da prefisso telefonico: se tutto va bene, il Pil salirà al massimo allo 0,6%. Con questi numeri, la fiducia dei cittadini verso la classe dirigente di questo paese è destinata a crollare ancora”, così Giacomo Martelli, presidente della Acli della Toscana commenta i dati a tinte fosche emerse dal rapporto Censis che delinea un paese sfiduciato e impoverito dalla crisi.


“L’occupazione è l’emergenza, un problema a cui non si riesce a trovare una soluzione adeguata. Ogni giorno ha la sua notizia negativa: dagli 8mila esuberi di Unicredit ai quasi 5mila dell'Ilva, per non parlare del settore della plastica a rischio. Non c'è una strategia lungimirante - continua Martelli - uno sguardo rivolto al futuro che posso incoraggiare uno slancio produttivo”.


La rinnovata sensibilità ecologica sembra essere una speranza per molti. “E’ necessario ripartire della nostra capacità produttiva e questo si potrà fare solo se si metterà mano, finalmente, al piano di rilancio delle opere pubbliche e ad un progetto che si agganci al Green New deal dell'Unione Europea per aiutare la riconversione ecologica delle nostre imprese. Invece - conclude il presidente della Acli della Toscana - siamo bloccati da una politica che si aggroviglia su discussioni autoreferenziali e che invece dovrebbe lavorare per incrementare gli investimenti pubblici e far ripartire quelli privati. Perdere altro tempo significa rischiare sulla pelle dei lavoratori”


[<<] [Febbraio 2020] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829 

L´archivio delle idee ACLI

[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier

Le ACLI Toscane aderiscono a

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio