26 Ottobre 2021

FAP ACLI FIRENZE - PENSIONI DI REVERSIBILITA’: QUIETE DOPO LA TEMPESTA O PRIMA DELLA TEMPESTA?

23-02-2016 14:28 - NEWS ACLI TOSCANA - territorio
La notizia sul nuovo assetto (ovvero tagli) per le pensioni di reversibilità, rimbalzata sui telegiornali come servizio di primo piano e sulla stampa ha provocato unanime sconcerto e prese di distanza di numerosi esponenti politici anche di maggioranza.
Dopo le assicurazioni del ministro Padoan e del ministro Poletti che non ci saranno tagli, pensionati - osserva Gabriele Parenti dirigente della comunicazione della Segreteria Fap di Firenze - hanno tirato un sospiro di sollievo perché loro, al governo non chiedono altro che di poter vivere tranquilli senza sentire, quasi ogni giorno, attacchi alle pensioni che non solo un regalo ottenuto dallo Stato me il frutto di molti anni di lavoro.
Insomma, allarme cessato e nuova quiete. Ma: un momento! E’ la quiete dopo la tempesta o quella che precede una nuova tempesta?
Infatti, le dichiarazioni ci sono state e sono più che attendibili ma per adesso il comma che parla delle reversibilità e che è contenuto nell’art. 1, comma 1, lett. b) della legge delega per il contrasto della povertà non ci risulta che sia stato abolito.
Particolare paradossale, quasi grottesco : trovare in una legge delega per il contrasto alla povertà, una misura che rischia di creare molti nuovi poveri…e poveri assai, perché sappiamo bene che le donne hanno un’aspettativa di vita più lunga e che proprio le donne, quando restano vedove contano sulla reversibilità perché notoriamente hanno pensioni assai più basse..specie quelle che per una “divisione del lavoro” legittimamente attuata all’interno della famiglie. hanno dedicato il loro tempo alla casa e ai figli con impieghi a part time o interruzioni del periodo lavorativo. Adesso, vengono messe in ansia da queste ipotesi che rischiano di abbattersi come una scure perché sappiamo bene che molti anziani hanno case di proprietà, pagate suo tempo con mutui al 15-18% che falcidiavano lo stipendio…e adesso rischierebbero, con l’Isee, di incidere sulle reversibilità. .
Quindi la Fap ACLI di Firenze esorta a non abbassare la guardia e a chiedere a gran voce che la norma in questione sia cancellata. Per mettere finalmente la parola fine sarebbe anche auspicabile una chiara presa di posizione del premier Renzi.
Perché è abbastanza frequente in materia di pensioni che dopo una levata di scudi a progetti di tagli, c’è una breve pausa e poi subentra una nuova ipotesi penalizzante…anche sulla reversibilità,ad esempio,qualche esponente politico ha detto che per quelle esistenti non ci saranno modifiche..il che fa pensare che resterebbero in campo nuove ipotesi per quelle future.
Un più ampio articolo di Gabriele Parenti sull’argomento può essere letto nel link

http://www.stamptoscana.it/articolo/leader/reversibilita-quale-bufala-diciamo-che-il-governo-deve-chiarire



keyboard_arrow_left
Ottobre 2021
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Ottobre 2021
L M M G V S D
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
L´archivio delle idee ACLI
[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier
Le ACLI Toscane aderiscono a
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari