13 Agosto 2020

I LAVORI DELLA COMMISSIONE SULLA RIFORMA SANITARIA

23-03-2015 11:37 - NEWS ACLI TOSCANA - territorio
Una sintesi degli interventi dei membri della Commissione

Per Stefano Mugnai (Fi), le criticità ci sono eccome. Le liste di attesa, per esempio, cui si risponde creando un Cup di secondo livello".Per Mugnai l´intasamento dei pronto soccorso è dovuto alla "mancanza di posti letto nei reparti". Le riduzioni annunciate stentano a fare massa critica, "sarebbe meglio"- ha detto- "ammettere che il grosso del risparmio deriverà dal taglio dei dipendenti che voi definite esuberi" e ha concluso che la sfida lanciata dal governatore Rossi è ormai una sfida persa.
Monica Sgherri (Rc/Ci) ha parlato di un sistema in cui "non è vero che va tutto bene. Da un paio di anni ormai stiamo vivendo una nuova sanità dove si cedono pezzi consistenti al Terzo Settore e al privato". È dunque una "profonda delusione"C´è, secondo la consigliera, uno "spostamento della spesa nelle tasche dei cittadini".
Per Marco Carraresi (Udc) la Toscana ha da tempo fatto dell´equilibrio economico del proprio sistema sanitario "una sorta di obiettivo maniacale". Occorre ammettere che è un fatto apprezzabile, ma non è certo garanzia assoluta di evoluzione e crescita del sistema stesso". Per Carraresi , "la sanità toscana "riuscirà ad offrire livelli di assistenza finora garantiti solo se saprà riorganizzarsi radicalmente attraverso azioni non più rinviabili".".
Tra queste la "rimodulazione della rete ospedaliera, un nuovo ruolo dei medici di medicina generale, una maggiore offerta di servizi assistenziali sul territorio.
Mauro Romanelli (Gruppo Misto) ha condiviso la relazione "quando dice che i costi di questa sanità non sono più sostenibili" ma ha poi criticato quel "taglio di migliaia di posti di lavoro che si ripercuoterà sulla prevenzione". "Povertà e marginalità - ha detto - sono le prime forme di malattia. Come si fa a non pensare che il taglio di personale e di materiale non avrà ricadute pesanti sui piccoli ospedali?".
Di relazione che "illustra filosofia e problemi" ha parlato Gian Luca Lazzeri (Più Tosc.) secondo il quale la riorganizzazione avrà la "portata di un commissariamento, non sarà una riforma". Lazzeri ha detto di credere nell´esperienza di ragionare per area vasta. ;a ha aggiunto: "Resta tuttavia la preoccupazione, espressa peraltro dai sindaci, di avere un direttore lontano, quasi un ministro. Dobbiamo trovare qualcosa che garantisca e rassicuri i cittadini". E ha concluso che In questi ultimi giorni di legislatura " dovremo sforzarci di dare risposte migliori e se, in prospettiva, dovessimo intervenire sulla fiscalità, non mi scandalizzerei, a condizione di aver dimostrato di aver fatto di tutto prima".

[<<] [Agosto 2020] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

L´archivio delle idee ACLI

[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier

Le ACLI Toscane aderiscono a

[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio