12 Agosto 2020

LA RELAZIONE DELL´ASSESSORE MARRONI IN COMMISSIONE SANITA´

23-03-2015 11:35 - NEWS ACLI TOSCANA - territorio
"Il ridordino del servizio sanitario è una garanzia per il futuro del nostro servizio sanitario di qualità, pubblica e attenta al cittadino"

L´assessore alla Sanità Marroni ha riepilogato i principi fondamentali che ispirano la riforma: una sanità per tutti, di qualità, pubblica,attenta al cittadino, alla prevenzione, all´innovazione, ricerca e formazione, alle persone che ci lavorano, alla sua sostenibilità.
Esponendo i motivi del riordino Marroni ha citato i tagli imposti a livello nazionale ed i costi emergenti (innovazione tecnologica, farmaci come quello per l´epatite, il cui costo è stimato in circa 40 milioni per il 2015), di fatto dobbiamo confrontarci con una contrazione reale di circa 350 milioni di euro. Uno stato di cose è strutturale e non contingente, che rimarrà tale negli anni a venire.
Queste le linee guida del riordino: "Vogliamo evitare un progressivo impoverimento del sistema e dei territori a cominciare da quelli più isolati e dagli ospedali piccoli",- ha detto- "vogliamo evitare una politica della lesina o addirittura di tagli indiscriminati e vogliamo invece affrontare la situazione in maniera strutturale. Il sistema, così come lo conosciamo, può farcela. Proprio per questo si propone questa riforma"
L´assessore ha rilevato che le dimensioni delle nuove aziende saranno quelle di Area vasta, con una programmazione unitaria dell´azienda ospedaliero-universitaria con l´unica azienda sanitaria locale di Area vasta.
"La proposta di legge di riordino" - ha sottolineato ancora l´assessore -" ha goduto di un´ampia e partecipata fase di ascolto e confronto, e continueranno ad essere coinvolti i professionisti, i cittadini, le associazioni". Quanto al personale, Marroni ha detto che "a seguito di questo processo "contiamo di ridurre il costo del personale, pari oggi a circa 2,5 miliardi di euro, di circa 100 milioni in due anni".
"Insomma" - ha spiegato Marroni : "si scrive sistema sanitario toscano e si legge sanità per tutti, di qualità, pubblica, attenta al cittadino, alla prevenzione, alla innovazione, ricerca e formazione, alle persone che ci lavorano, alla sua sostenibilità".
Alla Toscana, quindi, il compito di attuare una vera e propria rivoluzione della qualità delle cure, secondo un coerente ridisegno territoriale della disponibilità delle competenze e tecnologie necessarie, partendo da una seria riflessione sulle singole aziende sanitarie locali, che hanno sempre più difficoltà ad assicurare l´universo dei bisogni specialistici dei propri cittadini, e quindi la necessità di una programmazione per territori più ampi, ovvero una programmazione per Area vasta. "La dimensione di Area vasta è il naturale bacino di fruizione dei servizi - ha spiegato - solo il 5-6 per cento della popolazione toscana si rivolge ad altre Aree vaste diverse da quella del territorio di residenza o ad altre Regioni".
Marroni ha sottolineato che "questo è solo l´inizio, tre sono i passi fondamentali per la riforma: approvazione della proposta di legge 396; percorso di partecipazione e concertazione; legge di riordino complessivo", un processo che non potrà non avvalersi del personale e non coinvolgere i cittadini e le associazioni. Questa nuova organizzazione è compatibile, assicurando pari qualità, con una dotazione di personale diminuita, rispetto alla attuale, dando da un lato la "possibilità di andare in pensione con piena soddisfazione", dall´altro varando "una nuova gestione delle risorse umane con lo scopo di incrementare le opportunità di crescita professionale". Prevedendo,così una riduzione del costo del personale, pari oggi a circa 2,5 miliardi di euro di circa 100 milioni in due anni".
[<<] [Agosto 2020] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

L´archivio delle idee ACLI

[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier

Le ACLI Toscane aderiscono a

[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio