19 Gennaio 2021

MORTI BIANCHE, MARTELLI (ACLI TOSCANA): "PER FERMARE LE MORTI BIANCHE LAVORO DI SQUADRA TRA ISTITUZIONI, IMPRESE E SINDACATI"

18-04-2018 17:19 - News Acli Toscana - regione
Il presidente delle Acli della Toscana: inaccettabile che nella nostra regione muoiano 6 persone al mese. Il modello Prato insegna: più controlli uguale più sicurezza


Firenze, 18 parile 2018 - "Pensare che ogni anno in Toscana ci sono oltre 70 persone che vanno a lavorare e non ritornano a casa perché muoiono sul lavoro è ingiusto. E´ vero che il numero di "morti bianche" si è abbassato ma ancora è inaccettabile, basti pensare che nei primi mesi di quest´anno siamo a contare già 8 morti sul lavoro. Serve uno scatto di volontà da parte di tutti". Così il presidente delle Acli toscane, Giacomo Martelli interviene nel dibattito sulle morti sul lavoro che oggi ha contraddistinto la discussione in Consiglio regionale.

"Fare di più si può e si deve" aggiunge Martelli che cita il caso Prato, dove l´aumento dei controlli ha spinto le aziende cinesi a mettersi in regola. "Oramai come ha spiegato il presidente Rossi nell´80% dei casi non si registrano più violazioni" annota Martelli. "Il che significa che c´è la possibilità di intervenire a patto che lo si voglia" spiega il presidente delle Acli che annuncia il proprio sostegno alla proposta della Regione Toscana di siglare un patto di collaborazione fra istituzioni ("cosicché le Asl potranno lavorare in sinergia con gli ispettori del lavoro" dice), imprese e sindacati.


[<<] [Gennaio 2021] [>>]
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
L´archivio delle idee ACLI
[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier
Le ACLI Toscane aderiscono a
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio