16 Ottobre 2021

POVERTÀ IN TOSCANA, DOSSIER CARITAS 2015

17-10-2015 23:32 - NEWS ACLI TOSCANA - territorio
La "povertà relativa" nella nostra Regione diminuisce ma coinvolge ancora 191mila persone. Aumentano le diseguaglianze tra ricchi e poveri. Perdita del lavoro e marginalità abitativa le prime cause di povertà.
Si riduce il divario tra migranti e italiani.


E´ stato presentato il dossier Caritas Toscana sulle povertà, riferito alla situazione del 2014 è basato sull´analisi dei dati rAccolti dai Centri di ascolto e da tutti i servizi Caritas in Toscana. Per quanto riguarda la situazione della Toscana, lo studio si apre con i dati dell´Istat, che segnalano una "povertà relativa" nella regione in calo dal 6,7% della popolazione del 2013 al 5,1% dell´anno successivo. La "povertà relativa" coinvolge comunque ancora 191mila residenti in Toscana.

Per quanto riguarda coloro che si sono rivolti per la prima volta ad un centro della Caritas in cerca d´aiuto, sono dimuniti dai 10mila225 del 2013 ai 9mila700 del 2014, mentre i poveri "cronici", cioè assistiti da almeno 6 anni, sono passati da 5mila248 a 4mila781. A livello nazionale la "povertà assoluta" nel 2014 coinvolge 1 milione e 470mila famiglie, cioè 4 milioni e 100mila persone (nel 2007 erjano 1 milione e 800mila).

I "nuovi poveri" sarebbero quindi calati, anche e c´è da tenere presente che non è detto che tutte le persone divenute povere si rivolgano ad un centro d´ascolto della Caritas (che registra come "nuovi poveri", appunto, solo coloro che si sono recati ad un centro d´ascolto). Sono cresciuti invece (del 16,7%) coloro che si sono rivolti ai centri d´ascolto nel periodo più acuto delle crisi e che nonriescono a risollevarsi (coloro che sono assistiti da un periodo che varia tra un anno e i 6 anni).

Si riduce il divario di assistiti tra italiani e migranti, con una preoccupante crescita dei primi. I non italiani assistiti rimangono comunque il 65,6% del totale. Tra i fattori che più incidono sulla possibilità di diventare poveri c´è quello della perdita del lavoro.

Si trovano in grande difficoltà anche le persone che vivono in condizioni di marginalità abitativa, aggravata soparattutto nei casi di famiglie colpite da sfratti. Il dossier infine segnala gli ultimi dati dell´Ocse (Organizzazzione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), che sottolineano una situazione in Italia, come in molte altri parti del mondo, che vede crescere sempre di più le diseguaglianze tra ricchi e poveri.

Di particolare importanza, per non limitarsi alla sola analisi dei dati rilevati dai Centri Caritas, ma capire quali politiche sia possibile attuare e quali politiche sono in corso in Italia per affrontare il problema, é il "Secondo rapporto Caritas sulle politiche contro la Povertà in Italia" presentato nel mese di settembre u.s. Leggi il testo in allegato.
Documenti allegati
keyboard_arrow_left
Ottobre 2021
keyboard_arrow_right
calendar_view_month calendar_view_week calendar_view_day
Ottobre 2021
L M M G V S D
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
L´archivio delle idee ACLI
[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier
Le ACLI Toscane aderiscono a
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari