25 Ottobre 2020

PSSIR 2012-2015: L´EMERSIONE DEL DISAGIO SOCIALE

16-12-2014 11:56 - NEWS ACLI TOSCANA - territorio
Nel concetto di integrazione che sta alla base del Piano è rilevante l´analisi dell´ emersione del disagio sociale. Molte sono le cause che possono influire sulla tenuta della coesione sociale e sul benessere delle persone, per cui diventa indispensabile cogliere e saper leggere tempestivamente i segnali di disagio e di vulnerabilità che provengono dal tessuto sociale,con la necessità di sostegno per le situazioni di fragilità.


Il concetto di povertà ha subito nel tempo una progressiva evoluzione; inizialmente segnava una semplice differenza tra nord e sud del mondo, relegato ai margini nelle società industriali moderne ma progressivamente si è reso visibile anche dove prima non lo era, nel momento in cui fenomeni epocali hanno rimesso in discussione tutto, da un punto di vista spaziale (confini nazionali, mobilità delle persone ecc.), culturale e comunicativo. Il tema della povertà, non è solo condizione di privazione economica e mancanza di risorse materiali ma manifesta tutta la sua complessità.

Il concetto di esclusione sociale è strettamente legato a quello di povertà, ma ne integra e ne estende il significato. L´esclusione sociale sottende, oltre alla mancanza di mezzi economici, l´esclusione da benefici e servizi cui normalmente le persone e le famiglie hanno accesso, da rilievo e valore alla rete di relazioni che la persona sviluppa intorno a se, dedica una rilevanza specifica al livello di istruzione, alla salute, alla disoccupazione, al mercato del lavoro, alla precarietà, al disagio abitativo, all´impossibilità di partecipare alla vita sociale degli individui.

A questi concetti si affianca anche quello di vulnerabilità che si colloca all´interno di un percorso di impoverimento che può avvenire transitando nel corso della vita tra l´area dell´integrazione (inserimento stabile in circuiti occupazionali e disponibilita di solidi supporti relazionali, specialmente familiari) all´area della disaffiliazione, in cui versano i soggetti in condizione di povertà estrema (caratterizzata da processi di profonda rottura dei legami sociali,
perdita delle capacita di trasformare i beni in opportunita di vita).

Questa transizione - l´area della vulnerabilità sociale - non avviene drasticamente, ma attraverso microfratture nell´esperienza delle persone e delle famiglie, tanto a livello lavorativo che a livello relazionale, eventi che progressivamente generano situazioni di fragilità.
I soggetti in questa condizione sono a rischio di caduta nell´area della povertà estrema, ma possono ancora essere messe efficacemente in atto azioni di contrasto per favorirne la risalita verso l´area dell´integrazione.

Questo scenario, presuppone l´attuazione di politiche e interventi che, non solo, siano in grado di offrire risposte a bisogni complessi e molteplici, ma che contestualmente riconoscano all´individuo una capacita di autodeterminazione in relazione alle proprie capacita e competenze.
La Regione Toscana, è un territorio in cui i diritti di cittadinanza fondano il rapporto tra i soggetti e tra i soggetti e le istituzioni, in cui si e sempre cercato di valorizzare il capitale sociale delle persone, e su cui insiste un forte tessuto associativo e di volontariato nei più svariati campi (assistenza alle persone, sport, cultura, tempo libero) e in cui il tema della partecipazione e il valore aggiunto alle decisioni e risposta al disagio.
Pertanto, affrontare i temi della fragilità delle persone e delle famiglie, significa conoscere il territorio, dedicare spazio all´emersione dei bisogni la dove essi non siano espressi (tratta, violenza,etc.), sostenere percorsi di reinserimento sociale, favorire politiche di accesso all´alloggio, assicurare la tutela dei bambini e degli adolescenti, promuovere e sostenere l´integrazione degli interventi e delle risorse. In tal senso, saranno i processi che le politiche saranno in grado di attivare a produrre circuiti virtuosi in cui la società toscana, le comunità locali, l´ambiente in cui le persone e le famiglie vivono, disporranno degli strumenti per generare nuove risorse e possibilità di trovare soluzione ai bisogni.
[<<] [Ottobre 2020] [>>]
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
L´archivio delle idee ACLI
[]
Note politiche, Position paper, E-book, Report, Dossier
Le ACLI Toscane aderiscono a
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio